Abbiamo deciso di lanciarci una grande sfida: provare a rispondere a tutte le domande che hai sull'incenso!

Ecco i diversi argomenti trattati in questo articolo:

1. Cos'è l'incenso? Nell'introduzione scoprirai la storia e le origini dell'incenso. Quindi elencheremo tutti i tipi di incenso che esistono oggi. Vedremo da dove vengono e come sono realizzati.

2. L'incenso fa bene o fa male alla salute? In questa parte ti diremo tutto sui benefici e sui pericoli conosciuti dell'incenso, senza compromessi. Spiegheremo anche come utilizzarlo in sicurezza.

3. Domande e risposte sull'incenso. Per concludere, risponderemo a tutte le domande più comuni poste dai consumatori sull'incenso. Qui troverai tanti consigli che ti aiuteranno a scegliere il tuo incenso.

Tempo di lettura: dai 3 ai 5 minuti circa.

1. Cos'è l'incenso?

1.1 Storia e origini dell'incenso

La parola incenso deriva dal latino incensum e designa tutte le sostanze destinate ad essere bruciate o riscaldate per diffondere un odore gradevole. La comunità scientifica è concorde nel ritenere che le fumigazioni dell'incenso siano stati i primi profumi sviluppati dall'umanità.

Si ritiene che l'incenso più antico del mondo sia il Kyphi, che risale all'antico Egitto ed era prodotto con canna profumata, citronella, menta e alcuni altri ingredienti importati dall'Arabia.

Successivamente l'incenso fece la fortuna di diversi regni arabi che esportarono le loro resine aromatiche (olibano, mirra, storace, ecc.) in tutto il mondo conosciuto, grazie alle famose vie dell'incenso.

1.2 Quali sono i diversi tipi di incenso?

L'incenso può presentarsi in diverse forme che possono essere divise in due categorie: incenso informe e incenso sagomato.

Gli incensi non trasformati sono costituiti da materiali naturali lasciati allo stato grezzo, ad esempio:

  • resine vegetali e polveri di resine vegetali
  • pezzi di legno o polvere di legno
  • spezie intere o macinate in polvere
  • piante aromatiche essiccate, intere o ridotte in polvere
  • miscele delle diverse polveri sopra menzionate
  • Bastoncini per fumigazione dei nativi americani (fatti di piante aromatiche essiccate legate insieme)

L'incenso informe deve essere bruciato utilizzando un cubetto di carbone ardente (o un fornello elettrico) per sprigionare la sua fragranza, ad eccezione dei bastoncini di fumigazione che semplicemente si accendono e poi lasciano bruciare.

Ecco alcuni esempi di incenso senza forma:

Gli incensi sagomati sono versioni più o meno trasformate dell'incenso, tra cui:

  • bastoncini di incenso coni di incenso
  • coni di incenso
  • palline di incenso o “bombe sbavate”
  • fili di incenso
  • spirali di incenso
  • carte d'incenso, come la carta armena
  • e incenso pressato, o mattoncini di incenso

In genere, gli incensi sagomati sono progettati per essere utilizzati rapidamente, senza la necessità di bruciare carbone.

Basta accendere l'estremità dell'incenso usato, lasciarlo bruciare per qualche secondo, quindi soffiare sulla fiamma per spegnerlo. L'incenso così acceso brucerà poi lentamente, sprigionando i suoi profumi.

Di seguito, alcuni esempi di incensi sagomati:



1.3 Come viene prodotto l'incenso?

Distinguiamo anche qui tra incenso informe e incenso modellato.

Poiché l'incenso non fabbricato è costituito solo da materiali naturali allo stato grezzo, l'unica fase di produzione è la raccolta della sostanza. Questi processi differiscono a seconda della sostanza raccolta:

     Le resine aromatiche come la mirra o l'incenso vengono raccolte mediante incisioni praticate su arbusti della famiglia delle Burseraceae, originaria del sud della penisola arabica. La resina trasuda dall'incisione poi solidifica gradualmente a contatto con l'aria.
     Altri incensi non formati (legno, spezie, piante aromatiche) vengono semplicemente prelevati dall'albero o dalla pianta e poi essiccati. Una parte del raccolto viene ridotta in polvere per soddisfare la domanda dei consumatori che preferiscono questa versione, e per la fabbricazione di incensi modellati.

Gli incensi in forma sono quindi realizzati principalmente con polveri di incenso ottenute macinando e mescolando legno, spezie e piante aromatiche. Altri ingredienti vengono aggiunti durante la produzione e possono essere classificati in 3 categorie:

     agglomerati: questi ingredienti conferiscono all'incenso la sua compattezza. Potrebbe trattarsi, ad esempio, di miele, melassa o conserve di frutta.
     combustibili: facilitano la combustione dell'incenso. Molto spesso è carbone o salnitro. Il gambo del bastoncino di incenso funge anche da combustibile. Generalmente è fatto di bambù, legno di sandalo o palo santo.
     profumi aggiunti: alcuni produttori a volte aggiungono profumi alla composizione dei loro incensi, per rafforzarne gli aromi. Questi profumi sono nella maggior parte dei casi di origine naturale (oli essenziali). Ma sfortunatamente, alcuni incensi di scarsa qualità contengono profumi sintetici (mai nel nostro negozio).

Gli incensi di qualità sono realizzati artigianalmente utilizzando esclusivamente ingredienti naturali.

La polvere di incenso viene miscelata con gli altri ingredienti secondo un particolare know-how (che ogni produttore mantiene segreto), poi avviene la fase di pressatura e laminazione che dà la forma definitiva all'incenso: bastoncino, cono, pallina o mattoncino...

1.4 Da quale paese proviene l'incenso?

Ritorniamo brevemente su questo punto. Abbiamo visto in precedenza che l'incenso più antico del mondo è stato inventato più di 5000 anni fa. Viene dall'Egitto e si chiama Kyphi.

Poi, fino alla fine del Medioevo, furono i regni della penisola arabica a diventare i maggiori esportatori di incenso, un bene prezioso che a volte veniva venduto più dell'oro! In questa regione si produce ancora oggi una parte significativa delle resine aromatiche, ma poche altre varietà di incenso.

Al giorno d'oggi, la produzione di incenso è globalizzata. Le produzioni più qualitative provengono dai seguenti paesi:

     Il Giappone è noto per la produzione di incenso molto pregiato, che produce pochissimo fumo.
     L'India è diventata il primo produttore mondiale di incenso naturale, in particolare grazie allo sfruttamento del legno di sandalo (un albero locale il cui legno è profumato). I produttori indiani hanno notevolmente diversificato la loro produzione di incenso creando una moltitudine di fragranze diverse per soddisfare la curiosità dei consumatori.
     Il Tibet e il Nepal producono incenso naturale di alta qualità, realizzato con metodi artigianali ancestrali. I loro prodotti vengono raramente esportati in Europa, dove i consumatori preferiscono maggiormente i prodotti indiani.
     Francia e Italia sono i due principali produttori europei di incenso. Lì puoi trovare prodotti di alta qualità, spesso venduti da aziende specializzate nel lusso.
     Alcuni paesi del Sud America, come Perù e Argentina, hanno iniziato ad esportare legno di Palo Santo. Successivamente hanno diversificato con incensi a base di salvia. Il marchio argentino Sagrada Madre commercializza ora una gamma completa di incensi di qualità Premium.

Esistono altri paesi produttori di incenso più riservati. Abbiamo qui elencato solo quelli più importanti e riconosciuti. Di seguito presentiamo gli incensi iconici di questi paesi:

2. L'incenso fa bene o fa male alla salute?

Ora che sappiamo esattamente cos'è l'incenso, da dove viene e come viene prodotto, concentriamoci su una domanda che ricorre regolarmente quando parliamo di incenso.

L’incenso fa bene o fa male alla salute? L'incenso è tossico?

Come spesso accade, la risposta a questa domanda non è così semplice. Rispondere sì o no sarebbe affrettato e incompleto. Quindi vedremo innanzitutto quali sono i benefici dell’incenso, prima di esaminare perché può essere dannoso.

2.1 Quali sono i benefici dell'incenso?

Dall'invenzione dell'incenso da parte degli egiziani, più di 5000 anni fa, gli uomini non hanno mai smesso di usarlo. Molte civiltà, in diversi continenti, bruciano incenso da millenni, durante pratiche rituali e spirituali, o semplicemente per amplificare la sensazione di benessere.

     Nell'antico Egitto la parola "incenso" aveva un'origine divina. L'incenso era usato per adorare gli dei, che si pensava adorassero l'odore.
     Successivamente, in Grecia, i medici consigliarono di bruciare l’incenso per combattere malattie e febbre.
     Da secoli, nello Yemen, l’incenso è considerato un rimedio contro l’asma e lo stress.
     Nella Bibbia l'incenso ha una notevole importanza. Gaspard offre incenso al bambino Gesù per onorarlo con ciò che c'è di più prezioso e utile a preservare il suo corpo e il suo spirito, glorificando la sua natura divina.

Attraverso questi pochi esempi scelti a caso tra tanti altri, osserviamo che nella storia l'incenso ha conquistato i popoli, che gli hanno conferito una dimensione sia medicinale (benefici sul corpo fisico), sia spirituale (connessione con il mondo divino).

Anche oggi i benefici riconosciuti dell’incenso sono dello stesso ordine. Diamo un'occhiata a questo in modo più dettagliato.

I benefici fisiologici dell'incenso

Discipline riconosciute come l’aromacologia, l’aromaterapia e l’olfattoterapia hanno stabilito che alcuni odori hanno effetti benefici sulla salute e sul comportamento.

I benefici osservati sono molteplici e variano a seconda dei composti aromatici inclusi nella composizione dell'incenso:

     Alcune varietà di incenso favoriscono uno stato di intenso rilassamento, una sensazione di benessere e una riduzione dello stress avvertito.
     Altri danno una sensazione di vitalità, favoriscono la concentrazione o la creatività.
     L'incenso a volte eredita anche proprietà antisettiche o repellenti (antizanzare) da una pianta utilizzata nella sua composizione.

È quindi interessante scegliere il proprio incenso tenendo conto dei benefici degli ingredienti naturali in esso contenuti. Detto questo, il suo utilizzo principale è ovviamente quello di deodorare e profumare piacevolmente l'aria ambientale di uno spazio abitativo, regalando allo stesso tempo un momento piacevole.

I benefici psichici e spirituali dell'incenso

Ancora oggi, molte pratiche spirituali, compreso l'uso dell'incenso e spesso ereditate dai tempi antichi, sono perpetuate da persone che cercano protezione, guida o risposte alle domande esistenziali della vita.

I rituali di fumigazione dei nativi americani, in particolare, stanno conoscendo una notevole crescita e vengono utilizzati durante i riti di purificazione destinati a scacciare le energie negative da un luogo o da una persona. Da secoli si riproducono gli stessi gesti, con gli stessi incensi: Palo Santo e salvia bianca.

Molte altre credenze e superstizioni sull'uso dell'incenso rimangono vive e vegete: si dice che alcuni incensi facilitino la connessione con il mondo divino; altri porterebbero fortuna e felicità, o scongiurerebbero il malocchio; alcune varietà avrebbero il potere di elevare il nostro livello spirituale di coscienza...

Discuteremo queste convinzioni in modo più dettagliato più avanti nell'articolo. Facciamo qui solo questa osservazione: l'incenso aiuta molte persone nella loro ricerca del benessere mentale e psicologico. Di seguito, alcuni assortimenti di incensi appositamente selezionati per le loro proprietà fisiologiche, psicologiche o spirituali:

Abbiamo appena visto che l'uso dell'incenso offre reali benefici a livello fisiologico e psicologico. Ma purtroppo, se è di scarsa qualità o utilizzato in modo errato, l’incenso può avere anche effetti dannosi.

2.2 Quali sono i pericoli dell'incenso?

Il principale pericolo dell'incenso risiede nella tossicità del fumo emesso durante la sua combustione.

Il livello di tossicità del fumo varia notevolmente a seconda della qualità dell'incenso bruciato. Ecco le due principali raccomandazioni da seguire per proteggersi dalla tossicità del fumo di incenso:

     Brucia sempre incenso naturale e vieta l'incenso contenente profumi sintetici. L'incenso di bassa qualità contiene fragranze sintetiche che rilasciano nell'aria quantità significative di composti organici volatili (COV). Sono questi elementi chimici, come la formaldeide. In caso di esposizione prolungata possono essere pericolosi per la salute e addirittura cancerogeni. L'utilizzo di incensi naturali di qualità permette di limitare la quantità di COV emessi e quindi l'inquinamento dell'aria ambiente.
     Ventilare sempre la stanza in cui viene bruciato l'incenso. Anche se si tratta di incenso naturale di qualità, la combustione comporta necessariamente la produzione di fumo. Il fumo contiene sempre particelle alle quali non bisogna esporsi per periodi prolungati, anche se si tratta di composti naturalmente presenti nell'aria come il monossido di carbonio (CO) o l'anidride carbonica (CO2). Aprire una finestra e far entrare aria fresca in casa dovrebbe quindi essere un riflesso quando si brucia l'incenso.

Seguendo questi due consigli, saprai che stai utilizzando l'incenso correttamente e che ti stai proteggendo dai suoi potenziali effetti dannosi sulla salute.

Ricordati inoltre di seguire le altre istruzioni fondamentali indicate sulla confezione:

     non ingerire,
     Tenere fuori dalla portata dei bambini,
     non inalare direttamente il fumo.

Prima di concludere questo capitolo, ecco le domande che sorgono più spesso sui pericoli dell’incenso:

Il fumo dell'incenso è tossico?

Sì, il fumo di incenso è tossico se lo inali direttamente, e lo è ancora di più se si tratta di incenso di bassa qualità contenente sostanze chimiche. Per la tua salute, brucia solo incenso naturale e solo in una stanza adeguatamente ventilata.

Fa bene respirare il fumo dell'incenso?

No, non dovresti mai respirare o inalare direttamente il fumo di incenso, anche se si tratta di incenso naturale di alta qualità.

Quale incenso non è tossico?

Se utilizzato correttamente, in una stanza ben ventilata, l'incenso naturale non è tossico perché non contiene fragranze sintetiche. Acquista sempre il tuo incenso da un commerciante specializzato in incenso naturale, come Coco Papaya. Seguire sempre attentamente le istruzioni per l'uso.

Qual è l'incenso più naturale?

Tecnicamente tutti i cosiddetti incensi naturali sono naturali al 100%, il che significa che il 100% degli ingredienti utilizzati nella loro composizione sono prodotti naturali. Non esiste quindi un vero vincitore nella competizione per “l’incenso più naturale”.

Tuttavia, i puristi generalmente ritengono che l'incenso più naturale sia quello meno elaborato. Citeremo quindi, ad esempio, il Palo Santo in bastoncini, la salvia sfusa, e le resine aromatiche in cristalli.

Come fai a sapere se l'incenso è naturale?

I produttori di incenso devono soddisfare degli standard per poter mettere in vendita i loro prodotti sul mercato europeo. Sono soggetti a controlli regolari. La menzione "incenso naturale" sulla confezione è riservata agli incensi che non contengono ingredienti di origine chimica o sintetica.

Quale incenso fa bene alla salute?

Anche qui non c'è un vincitore. Se usati correttamente, gli incensi naturali offrono benefici diversi a seconda degli ingredienti che contengono. Il tuo commerciante specializzato sarà sempre in grado di consigliarti un incenso adatto alle tue esigenze.

L'incenso è pericoloso per cani e gatti?

In presenza dei nostri amici animali valgono le stesse raccomandazioni per l'utilizzo degli incensi: bruciate sempre incensi naturali al 100%, e sempre in una stanza ben ventilata.

In queste condizioni la loro salute non è in pericolo. Tieni presente, tuttavia, che a causa del loro senso dell'olfatto molto sviluppato, i cani possono essere disturbati dall'odore dell'incenso.

Se brucio l'incenso in una stanza ventilata, l'odore non rimane?

È sbagliato. È essenziale bruciare sempre l'incenso in una stanza ben ventilata. Quando si ventila la stanza, esce del fumo. Ma gli aromi restano e si percepisce il profumo dell'incenso con la stessa intensità come se lo si bruciasse in una stanza sigillata.

Di seguito una selezione di portaincensi che permettono di bruciare in tutta sicurezza diverse tipologie di incensi sagomati e non modellati:

3. Domande/risposte sull'incenso

Riprendiamo qui le domande che più spesso vengono poste sull'incenso.

Qual è la migliore marca di incenso?

I clienti spesso chiedono quale sia la migliore marca di incenso e questa è una domanda molto difficile a cui rispondere. Probabilmente non esiste un’unica marca di incenso che possa essere considerata universalmente la migliore. Tutto dipende dal tipo di incenso che stai cercando.

Se stai cercando fragranze pregiate, ti consigliamo il marchio giapponese Morning Star Nippon Kodo. Gli incensi di questa marca producono pochissimo fumo e diffondono profumi eleganti e delicati.

Se cerchi il potere aromatico, allora i marchi indiani fanno al caso tuo: HEM, Satya, Goloka e Padmini sono i marchi di riferimento per l'incenso naturale indiano.

E per il miglior compromesso tra finezza e potenza, consigliamo il marchio premium Sagrada Madre.

Ecco alcuni prodotti di questi marchi essenziali:

Qual è l'incenso più potente?

Gli incensi dai profumi più intensi sono gli incensi naturali indiani. Le seguenti varietà sono tra le più aromatiche:

  • Benzoino
  • Oppio
  • Sangue di drago
  • Yagra
  • Super Hit (un incenso leggendario della marca indiana Satya)

Gli incensi più potenti, e quindi i più utilizzati per i rituali di purificazione, sono:

  • Salvia bianca della California
  • il Palo Santo
  • benzoino

Ecco una selezione di alcuni degli incensi aromaticamente più potenti:

Qual è l'incenso più venduto al mondo?

L'incenso più venduto al mondo è un masala chiamato Nag Champa. Spiegazioni:

     Un masala è un tipo di incenso prodotto con un metodo tradizionale originario dell'India. La parola "masala" significa "miscela di spezie" in hindi, che descrive adeguatamente la natura di questo incenso. Gli incensi Masala sono apprezzati per la loro combustione lenta e la loro fragranza di lunga durata, che può riempire un'intera stanza con un'atmosfera incantevole e rilassante. Sono spesso utilizzati nelle pratiche spirituali, nella meditazione, nel rilassamento e per profumare l'aria nelle case e nei templi.
     Nag Champa è il nome hindi dato ad un particolare fiore: champak (nome scientifico: Michelia champaca). Il profumo di questo fiore è così apprezzato in India che è stato usato per descrivere l'incenso preparato con champak come ingrediente principale.
     L'incenso Nag Champa è quindi un masala contenente in particolare il fiore champak, ma anche altri ingredienti come legno di sandalo, resine aromatiche e spezie.

L'incenso Nag Champa deve il suo successo globale alla sua fragranza ricca e complessa, che combina note legnose, floreali e speziate con tocchi dolci e terrosi.

Molti marchi indiani producono l'incenso Nag Champa, ma il più venduto al mondo è quello del marchio Satya Saï Baba. È facilmente riconoscibile dalla sua scatola blu, bianca e rossa. Ve lo proponiamo di seguito, anche con l'ottimo Nag Champa della marca Goloka (scatole gialle):

Incenso in coni o bastoncini, quale scegliere?

Per le stanze piccole, inferiori a 15 metri quadrati, si consiglia di utilizzare bastoncini di incenso.

Per gli ambienti più grandi i coni saranno più efficaci perché diffondono più intensamente il loro profumo.

I puristi preferiscono i coni, i mattoncini di incenso o l'incenso senza forma perché il profumo dell'incenso non viene modificato dalla combustione della bacchetta (a differenza dei bastoncini di incenso). Avendo compreso questo problema, alcuni produttori come Sagrada Madre hanno sostituito il gambo di bambù dei loro bastoncini di incenso con uno stelo di legno di Palo Santo, che contribuisce piacevolmente al profumo diffuso.

Quale incenso porta fortuna?

Gli incensi come il benzoino, il copale e l'incenso sono noti per attrarre buona fortuna e prosperità. I produttori di incenso hanno anche creato nuove varietà formulate con ingredienti fortunati, come puoi vedere di seguito:

Quale incenso tiene lontano il malocchio?

Gli incensi purificatori, come il benzoino, la salvia o il palo santo, respingono tutte le forme di energie negative, come il malocchio. Inoltre, i creatori di incenso hanno sviluppato nuove varietà appositamente progettate per i rituali di purificazione. Ecco alcuni incensi che puoi utilizzare per allontanare il malocchio:

Quale incenso per purificare la casa?

Per purificare la casa dalle energie negative, utilizzate il benzoino, la salvia bianca, il Palo Santo o l'incenso appositamente studiato per questo scopo.

Per purificare l'aria ambiente della casa e distruggere i microbi, la soluzione migliore è aerare aprendo una finestra per circa 10 minuti.

Per una sensazione fresca e pulita in casa, l'incenso all'eucalipto, alla canfora o al legno di sandalo sono scelte eccellenti.

Gli assortimenti seguenti contengono varietà di incensi purificanti dal punto di vista energetico e dell'aria ambientale:

Quale incenso per praticare un rituale?

Il rituale più comunemente eseguito con l'incenso è il rituale di purificazione. Viene generalmente praticato con benzoino (tradizione cristiana), salvia bianca o Palo Santo (tradizione dei nativi americani).

Anche altri rituali vengono praticati con l'incenso. Questi rituali sono spesso ispirati al Feng Shui, all'Ayurveda o a pratiche esoteriche. Esistono incensi appositamente progettati per questi diversi rituali, come mostrato negli esempi seguenti: